Anestesia mastoplastica additiva

Uno dei fattori più importanti nella chirurgia plastica è l’anestesia. Ecco perché è molto importante che la paziente si informi adeguatamente su questo aspetto per evitare sorprese e ottenere una maggiore conoscenza dell’intero programma chirurgico.
Negli ultimi anni, sono stati fatti molti progressi sui tipi di anestesia, migliorando la sua efficacia e riducendo il disagio che essa può causare. L’uso corretto dell’anestesia nell’intervento di mastoplastica additiva è considerato di vitale importanza dal chirurgo plastico e dall’anestesista responsabile dell’intervento chirurgico.


Per ottenere il miglior risultato chirurgico, uno dei requisiti fondamentali è che la paziente fornisca tutte le informazioni richieste dal chirurgo plastico in modo responsabile, in particolare quelle relative al consumo di farmaci, alcol, vitamine o altre sostanze che si assumono e che possono influenzare l’andamento dell’intervento chirurgico.
La paziente della mastoplastica additiva deve inoltre informare il chirurgo estetico su tutte le malattie di cui lei o la sua famiglia hanno sofferto, così come lo stato di salute in generale. In poche parole, la paziente deve fornire al medico e all’anestesista tutte le informazioni necessarie al fine di poter eseguire l’intervento in maniera adeguata.

L’uso dell’anestesia in chirurgia plastica è abbastanza sicuro quando l’intervento viene eseguito da medici specialisti. I due tipi di anestesia che vengono utilizzati nell’aumento del seno sono l’anestesia generale e l’anestesia locale combinata con la sedazione. In tutte le situazioni, è importante che la paziente segua le istruzioni dell’anestesista e del medico per evitare rischi durante l’intervento.
Tuttavia, è comune che in qualsiasi intervento chirurgico l’anestesia causi alla paziente alcuni effetti collaterali come il seguente:

Anestesia generale: sebbene sia molto comune usare questo tipo di anestesia, alcune pazienti soffrono di effetti collaterali che rappresentano un malessere post operatorio. Compaiono poche ore dopo l’intervento e scompaiono da sole: queste pazienti si sentono disidratate o nauseate, hanno mal di testa, dolori muscolari e, in alcuni casi fastidi alla gola.

L’anestesia locale e la sedazione sono abbastanza sicure e non hanno praticamente controindicazioni o effetti collaterali. A volte possono verificarsi problemi respiratori.  Per questo motivo il medico e il personale infermieristico deve monitorare costantemente la paziente durante tutta la durata dell’intervento.

In entrambi i casi, la struttura sanitaria dove viene eseguito l’intervento di mastoplastica additiva deve avere un team specializzato per aiutare il paziente con la respirazione o in caso di qualsiasi altra complicazione.

Mastoplastica additiva: anestesia generale

L’anestesia generale elimina il dolore e la sensibilità dell’intero corpo perché blocca la comunicazione tra il corpo e il centro del processo del dolore nel cervello. L’anestesia generale nella mastoplastica additiva è considerata un processo delicato perché è una procedura complessa. Questo tipo di anestesia viene applicato e dosato dall’anestesista in coordinamento con il chirurgo plastico. La quantità e il tipo di anestesia dipenderanno dalla durata prevista dell’operazione, dall’età della paziente e dal suo peso. La procedura viene solitamente eseguita attraverso un’intubazione, il che significa che alla paziente viene inserito un tubo nella trachea attraverso il quale viene somministrata l’anestesia in forma gassosa. In questi casi, il supporto respiratorio è necessario perché le sostanze rilassanti inibiscono la respirazione polmonare e il diaframma non funziona.
Durante l’intervento la paziente dorme e non ha memoria dell’operazione. L’anestesista monitora l’intero intervento chirurgico per controllare la reazione del paziente all’anestesia, nonché i segni vitali. L’anestesia generale in questo intervento viene utilizzata solo quando l’operazione lo richiede a causa della sua complessità. In caso contrario, non viene utilizzato per evitare i possibili rischi associati a reazioni allergiche all’anestesia o problemi respiratori.
Per quanto riguarda il periodo preoperatorio, è estremamente importante che la paziente non mangi o beva almeno otto ore prima dell’intervento per evitare l’aspirazione, il che significa che solidi o liquidi vengono deviati dallo stomaco ai polmoni.

Mastoplastica additiva: anestesia locale e sedazione

L’altro tipo di anestesia è quella locale combinata con la sedazione. In tal caso la paziente non dorme, anche se il dolore viene eliminato dall’area in cui viene eseguito l’intervento. La paziente può respirare spontaneamente, essere cosciente o mezza addormentata. Nella maggior parte degli interventi chirurgici di aumento del seno viene utilizzata questa modalità che non presenta i rischi dell’anestesia generale. Quando la paziente si sveglia, non sente dolore o altri effetti collaterali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *