Protesi mammaria: quale scegliere?

Le protesi mammarie che vengono utilizzate oggi sono, per la maggior parte, testurizzate e riempite di silicone. Esistono molti marchi diversi sul mercato, con prezzi molto diversi e diversi processi di produzione, garanzia e assistenza post-vendita. È importante sapere che esistono due tipi di protesi mammarie: rotonda e anatomica.
La dimensione della protesi è una delle decisioni più importanti da prendere.
Gli impianti rotondi riempiono di più la scollatura e, in pazienti magre, il risultato potrà essere più “artificiale”. Questa tipologia di protesi in silicone è ampiamente utilizzata in interventi di mastopessi con protesi.
Con le protesi anatomiche, invece, il seno viene riempito in maniera più proporzionale, e quindi spesso danno un risultato più naturale anche nelle pazienti molto magre, in quanto regalano un’immagine più morbida ed un decolletè più naturale.

Quanto dura la protesi mammaria?

La durata della protesi è variabile, in genere è stimata tra 15-20 anni, ma dipende molto da ciascuna paziente. Gli impianti protesici non hanno una “data di scadenza”, significa che non si verifica nessun problema, non è necessario sostituirle.

Negli ultimi tempi, le protesi in gel di silicone sono sempre più utilizzate, con un basso rischio di contrattura capsulare. Sono utili in casi di pazienti già operate o che devono sottoporsi a sostituzioni protesiche che hanno dato problemi, ma generalmente possono essere una buona scelta nei casi di primo intervento di mastoplastica additiva.

Mastoplastica additiva post operatorio

E’ normale provare dolore, anche se lieve, o disagio nei primi 2-5 giorni dopo l’intervento di mastoplastica additiva. Nella maggior parte dei casi, è possibile tornare al lavoro entro 10-12 giorni.

Nel caso di inserimento delle protesi con tecnica sottomuscolare (sotto il muscolo), come nella maggior parte dei casi, il disagio può essere un po’ più elevato nei primi giorni, ma la migliore resa estetica, giustifica a lungo termine il piccolo disagio.

Nelle prime settimane, la forma e la dimensione degli impianti non sarà quella definitiva. A poco a poco la protesi si adatta alla pelle e il risultato diventerà più naturale e proporzionato. Di solito a 3 mesi l’aspetto è generalmente molto buono.

Durante il primo mese si consiglia di indossare un reggiseno sportivo o comunque compressivo, per tutto il giorno. Mentre per l’attività sportiva è necessario aspettare un mese prima di sollevare le braccia e alzare pesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *